Hot Spot

Abbiamo selezionato con cura gli spot che vi proponiamo, tenendo in considerazione diversi fattori: in primis la pescosità, punto fondamentale; possiamo asserire con sicurezza che l’itinerario freshwater ha una resa inimmaginabile per le acque italiane; quello saltwater è molto valido considerando la situazione attuale di eccessivo sfruttamento del mediterraneo.
Altro punto di cui abbiamo tenuto particolarmente conto è la bellezza e l’integrità del paesaggio. Gli spot in considerazione sono in zone vergini, dove l’antropizzazione non ha agito in maniera significativa. Inoltre la quasi totale assenza di fabbriche e industrie, garantisce l’assenza di agenti inquinanti.

Infine abbiamo considerato la raggiungibilità da scali aeroportuali, navali, etc. per fare in modo che anche un soggiorno breve non venga penalizzato da trasferimenti difficoltosi.

 

 

Spinning freshwater: Lago Rosamarina – Black Bass

 Rosamarina - Vista panoramica

Per lo spinning fresh water l’hot spot è il bacino Rosamarina, dove le condizioni climatiche ottimali, l’assenza di fonti d’inquinamento, il perfetto equilibrio ittiologico ed una pressione piscatoria minima hanno permesso un notevole sviluppo del persico trota.

Rosamarina - Vista integrale
Lo spinning da terra è ben praticabile, sia per l’agibilità delle sponde, sia perché il bacino è interamente costeggiato da una strada. La morfologia è interessante; una metà dello specchio d’acqua presenta profondità medio-basse con linea di sponda caratterizzata da punte ed anse che permettono di modulare l’esposizione al vento durante l’azione di pesca; presenti, inoltre, estesi agglomerati di arbusti sommersi più o meno individuabili in base al livello idrico dell’invaso. L’altra metà è caratterizzata da profondità elevata fin dal sottosponda, in acqua, alberi, casolari diroccati e pareti di roccia fungono da dimora o territorio di caccia per bass over-size.

Rosamarina - tramonto

 


Nel bacino vi è anche una discreta popolazione di persici reali; il pesce foraggio è principalmente rappresentato da latterini, carpe e carassi.
I risultati sono costantemente positivi, sia per quantità di catture sia per la taglia mediamente elevata; va menzionato, inoltre, che ogni anno si registrano diverse catture record. L’attrezzatura consigliata di conseguenza è piuttosto heavy: canne con potenza superiore le 12 lb, mulinelli affidabili e robusti, e per il filo non si dovrebbe scendere al di sotto le 10 lb, il tutto compatibilmente con l’approccio adottato.

 

Rosamarina - arcobalenoLe esche di assoluta resa sono: soft jerkbait (quali Senko e similari) e finesse ottimi tutto l’anno, spinner bait in primavera e autunno, popper e cranckbait; gli artificiali possono essere di dimensioni generose tranne che in alcune circostanze particolari. Riguardo alle colorazioni, per la pesca di ricerca sono indispensabili tonalità scure mentre sulle cacciate va bene anche il chiaro unito a una presentazione vivace.
Per la pesca da natante e con il belly boat, il servizio ha i permessi in esclusiva.

 


 

Spinning saltwater: da Cefalù a Sant’Agata di Militello
Spigole e altri predatori marini  

 

L’itinerario salt water interessa il tratto di costa compreso tra Cefalù e Sant’Agata di Militello; habitat vari sono densamente colonizzati da spigole e altri predatori marini (lecce amia, dentici, barracuda,ecc.). L’approccio è molto tecnico in quanto si passa rapidamente dalla pesca in scogliera a quella in spiaggia ed in foce.

ScoglieraL’attrezzatura da spinning o casting consigliata è di potenza intermedia: canne sulle 17 lb, lunghe mediamente 8’6”- 9”, mulinelli 4000-5000 per lo spinning e 200-300 per il casting, lenze con carico di rottura effettivo almeno di 12 lb.

Cattura tra gli scogli

Gli artificiali efficaci per adescare il serranide sono minnow ( monopezzo e jointed ) di misura compresa tra 7 e 11 cm, cucchiaini ondulanti, popper di piccola dimensione; si ottengono ottimi risultati anche con anguilline tre pezzi (artigianali) e con esche da bass quali finesse, soft jerkbait e worm che spesso superano per resa le esche “tradizionali”.

Spiaggia tra le rocce

 

 

 

 


Le colorazioni che mediamente scatenano più attacchi sono quelle che giocano sul contrasto chiaro scuro, conseguentemente alla trasparenza dell’acqua e al fatto che le battute di pesca si svolgono quasi esclusivamente in diurna.

Vota il Sito

Dai un voto al nuovo sito

Strepitoso - 41.7%
Molto Bello - 41.7%
Bello - 8.3%
Carino - 2.8%
Brutto - 2.8%
Orribile - 2.8%

Voti Totali: 36
Il sondaggio è finito il: 23 Nov 2013 - 00:00

Collaboratori

Copyright © 2013 Francesco Li Bianchi - Spinning Sicilia Nord

Tutti i diritti riservati - E' severamente vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti

All rights reserved - Is forbidden total or partial reproduction of the contents